TRASFERTA INTER GENOA

Tag

, , , , , , ,

Il ruggito di Sansiro è il tuo ruggito, non puoi mancare!
ISCRIVITI QUI PER LA TUA TRASFERTA CON I BELLIDEROMA
PREZZI SPECIALI SOCI INTER CLUB

Terzo rosso centrale o laterale 10,00
Secondo rosso laterale a 20,00

NUMERI LIMITATISSIMI
prenota subito qui la tua trasferta!

https://goo.gl/forms/idAJfdMXzDgpOG9P2

Annunci

Spal Inter

Tag

, , , , , , , , ,

Per proseguire con la striscia di vittorie all’inseguimento di un posto in Champions per la prossima stagione. Pullman più biglietto ad un prezzo unico come noi dell’Inter Club Bellideroma!
Partenze da Roma, Ciampino, Colleferro, Ponzano, Feronia e Orte!

Ma non esitare a scriverci per qualsiasi richiesta e esigenza più siamo e più ci divertiamo!

inserisci qui la tua adesione e goditi la trasferta con l’Inter Club Bellideroma
https://goo.gl/forms/yJQFEsT7AuNwyaS32

Inter Tottenham

Tag

, , , , ,

Vivi con l’IC Bellideroma l’emozione del ritorno in Champions League.
90 minuti di pura adrenalina nel teatro del calcio più bello del mondo.
90 minuti di pura passione nerazzurra da finire senza più un filo di voce!
Inserisci qui la tua partecipazione in Champions League

https://goo.gl/forms/E27CRB6V8GxjyH0t1

 

Bellideroma! I Fratelli (nerazzurri) del Mondo

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Parte oggi con i sorteggi della Champions, che chiaramente seguiremo dal vivo con le nostre infinite trasferte, una nuova avventura dei Bellideroma.
Una avventura che ci porterà in giro per tutto il mondo con l’obiettivo di farci conoscere in ogni angolo del pianeta.

Il tatuaggio del mitico Salvatore sarà l’immagine che tutti i tifosi del mondo vedranno e il nostro grido di battaglia, ossia Pura Passione Nerazzura insieme al meraviglioso Fratelli del mondo saranno tradotti in oltre 50 lingue ed inviato a tutti i tifosi del mondo, come messaggio di fratellanza e di solidarietà in piena coerenza con il messaggio dei Soci Fondatori della nostra attuale Società e del fantastico progetto Inter Campus.

Inizieremo con la lingue delle squadre che affronteremo in Champions e piano piano a sorpresa gireremo il mondo coinvolgendo tutti i tifosi di calcio della terra.

Seguiteci su Instagram Twitter Facebook vi divertirete a scoprire nuove parole, nuovi tifosi nerazzurri di tutto il mondo e soprattutto a scoprire che il nerazzurro è il colore della fratellanza della passione e della sportività!

Grazie a tutti i fratelli e sorelle nerazzurre che già ci hanno inviato tantissime traduzioni Babilona, Elena, Alberto, Irina, Adriano, Simona, Emanuela altre ne dobbiamo ancora realizzare per completare tutte le lingue del mondo ed è inutile dire che se avete amici parenti che possono darci una mano per completare il nostro viaggio non esitate a farcelo sapere, inviateci un messaggio sui nostri social e diteci in che lingua potete tradurci la nostra campagna, più sono strane e lontane meglio è magari per ringraziarvi ci scapperà anche un bel regalo dall’Inter Club Bellideroma.

Questa sera alle 18.00 la prima lingua sarà il Tedesco, sarà forse lo Schalke 04 la nostra prima avversaria? Iniziamo da dove abbiamo finito? Chissà!!!! Il tedesco si parla in Germania, in Austria, in Svizzera, in Belgio, in Lussemburgo e in tante piccole comunità sparse per tutto il mondo. Quello che conta è che chiunque lo parli sappia che l’Inter Club Bellideroma è Pura Passione Nerazzurra e dal 2010 l’Inter Club sulla tua pelle!

Resta con noi e gira il mondo con l’Inter Club Bellideroma!

Forse non tutti sanno che quest’anno il VAR…

Tag

, , , , , , ,

Nelle profondissime pieghe del Calciomercato estivo e soprattutto il giorno della presentazione dei calendari di questa stagione è passato sotto traccia un fatto davvero importante che probabilmente cambierà ancora una volta la storia di questo sport ed in particolare l’utilizzo del VAR.

Come riportato bene in questo articolo di Eurosport da questa stagione in pratica sarà quasi ed esclusivamente l’arbitro in campo che chiederà l’utilizzo del VAR. Ciò non avverrà più sistematicamente su situazioni che possono essere quantomeno controverse come lo scorso anno erano stati invitati a fare gli arbitri, ma solo ed esclusivamente in caso di forti dubbi, sempre dell’arbitro, su quanto da lui visto.

In poche parole il VAR verrà chiamato dall’arbitro, solo se lo stesso non ha fisicamente visto quanto accaduto in campo.

Sì certo dalla regia gli arbitri ai video interverranno in caso di errore macroscopico o su fuorigioco in cui i guardialinee non possono fisicamente vedere per la velocità dell’azione, ma in questo caso il VAR servirà a salvare l’arbitro e i guardialinee da un evidente errore che non solo falserebbe la partita ma metterebbe a rischio anche la loro carriera e quindi è facilmente comprensibile che sia ben accettato dalla stessa categoria arbitrale.

Sembra assurdo ma se possibile questo nuovo protocollo è anche peggio del non utilizzo del VAR perché in pratica autorizza ufficialmente l’arbitro, in casi come quello di ieri con Asamoah e anche peggio con Icardi nel fallo da dietro rivisto con un solo replay, a sbagliare impunemente e sotto l’ala protettiva del nuovo protocollo.

Ma come può succedere tutto ciò? è molto semplice, se l’arbitro a prima vista non ritiene fallosa la spinta su Asamoah perché fatta di spalla sul giocatore in corsa, l’azione prosegue e la regia del broadcast di turno DAZN o SKY o Mediaset Premium continua a seguire il gioco in campo con qualche stacco sulle facce dei giocatori e dell’arbitro. Ciò cosa comporta? che la stessa regia, seguita anche dagli arbitri al VAR, non può concentrarsi sui cinque o sei replay che servono a dipanare i dubbi e con lo scorrere del gioco non c’è più tempo per analizzare approfonditamente il fallo, che nel caso di Asamoah, si dimostrerà esserci non nella spinta, ma nello sgambetto simultaneo effettuato con il piede del difensore.

Stesso dicasi per il fallo di Icardi in cui nell’unico replay efficace si vede chiaramente che la palla in pratica resta ferma dopo il contatto ma non si vede bene il calcio del difensore che invece di prendere il pallone prende le caviglie di Icardi. A gioco fermo, lo scorso anno, l’arbitro Mariani che fu l’arbitro con più richieste di VAR in serie A, avrebbe avuto modo di vedere (e anche noi) almeno i replay di altre tre o quattro angolazioni, che sicuramente avrebbero dimostrato che il fallo su Icardi era netto e di conseguenza meritava il relativo rigore.

Viceversa nel caso del fallo di Miranda basta una semplice ma evidente pizzicata di maglia con conseguente svenimento di Berardi per decretare un rigore ridicolo anche solo per le leggi della fisica, considerando che non ci sono nervi e tendini attaccati alle maglie dei calciatori che quando vengono toccati immobilizzano l’utilizzo delle gambe facendoli cadere come sassi nel vuoto…

Nicola Rizzoli, designatore della CAN Serie A in occasione della presentazione dei calendari ha dichiarato:”Puntiamo da subito a un livello alto, vogliamo portare il calcio a un livello di giustizia totale: non ci sarà mai, ma abituiamoci a correzioni evidenti” 

Ecco Signor Rizzoli noi non desideriamo che si arrivi ad un livello di giustizia totale, che ci mette anche un po’ paura questa cosa, considerando che come categoria professionale già soffrite di deliri di onnipotenza da oltre cento anni, a noi basterebbe che il protocollo VAR tornasse ad essere quello delle prime tre giornate di campionato dello scorso anno quello dove, non un dubbio conclamato o un intervento necessario dalla regia cambiasse o modificasse una decisione presa sul campo, ma quello dove se avviene un contatto in area di qualsiasi tipo, si guardano serenamente tre replay, arbitro compreso, e tutti si vive più serenamente che di stare cinque minuti in più allo stadio o davanti alla televisione, non ce ne frega nulla a nessuno se poi non si passano settimane intere a parlare delle vostre cazzate fatte in campo.

Anche perché quando parla di abituarsi a correzioni evidenti ci fa pensare che vi state riprendendo in mano il giocattolo e da collaboratori del sistema, volete ridiventare padroni del sistema.

E tutto ciò non è più sport, non è più calcio.

Gli ultimi saranno i Primi!

Tag

, , ,

Cari amici e Soci  vi giro con grande orgoglio una lettera che i più giovani e puri tra i nostri tifosi ci hanno voluto dedicare alla fine di questa stagione. Lascio a loro la parola e a tutti noi l’emozione che ci hanno donato con queste bellissime parole!

“Eccoci qua l’ultima trasferta di questa stagione fieri della nostra maglia orgogliosi della nostra fede col cuore nero e il sangue blu andiamo verso casa la nostra casa.

Il luogo dove risiede l’amore per questa squadra dove vengono creati i ricordi di vittorie così eclatanti e sconfitte così stupide ma che verranno sempre la pena la pena di alzarsi la domenica mattina all’alba.

Perché è difficile dire di no a tutto questo guardatevi attorno l’uno negli occhi dell’altro guardatevi i vestiti di quei colori che tanto amiamo con la speranza negli occhi e il sorriso stampato sulle labbra quel sorriso di chi ha la consapevolezza che tra poco scenderà da questo pullman con il cuore colmo di gioia la sciarpa al collo e andrà di fare quella squadra che tanto ama.

Ma quant’è bello? Io vi guardo e non vedo gente non vedo persone vedo amici vedo fratelli è questo il nostro club una famiglia così grande una famiglia che ti supporta in ogni sconfitta una famiglia che ride sorride e canta con te a ritorno da una vittoria mozzafiato.

Perché questo è l’essere interisti stringersi forte nei momenti più bui e assaporare al meglio i momenti migliori e quindi siamo qua ringraziare questo club come tutti voi che ne fate parte che avete reso questa stagione indimenticabile.

Perché solo grazie alla costanza e alla presenza di molti che siamo riusciti ad organizzare tante di quelle trasferte ed è grazie a questo meraviglioso club che abbiamo potuto alimentare la nostra fame di Inter, la nostra presenza calorosa in quel di San Siro con gioia salutiamo questo anno calcistico.

Arrivederci alla prossima stagione interisti pazzi”

I ragazzi degli ultimi posti