C’è una quarta dimensione, oltre a quelle che il tifoso già conosce ossia vittoria pareggio e sconfitta. E’ senza limiti, come vincere un derby in nove umiliando l’avversario e senza tempo, come il rosicamento dei romanisti: è la regione intermedia tra lo scudetto e la salvezza, tra la tattica e la tecnica, tra l’oscuro baratro della serie B e le vette luminose di una champions. E’ la regione della squadra dell’Inter, che quando si trova in partite dove l’unica fonte da cui abbeverarsi si chiama immaginazione, cade invece in incredibili figure di merda. Una regione che si trova ai confini della realtà

Cambiano i giocatori, cambiano gli allenatori, cambiano anche i presidenti, ma non ci fate mai mancare, per fortuna raramente, questa incredibile sensazione…

GRAZIE RAGAZZI!

p.s. ero stato comprensivo con il Lecce, tenero con il Palermo, spiritoso con la Roma, ora però andatevi un po’ a vergognare…

Annunci