Tag

,

4BatmHand: Octopus – La partita l’hai vista come ar solito tra na mano e nartra de Burraco che a fa er portiere a Sansiro co sta difesa de fenomeni te rompi li cojoni. Solo che Giorgio er fotografo dell’Inter nun era ‘nserata aveva esagerato cor brasato e vedeva Beccalossi core sua fascia… ma quanno ha mai corso er Bec! John Fitzgerld e Vittorio Emanuel IV i fiji daa signora Mariuccia Van der Bildel Comastri della Gherardesca Visconti, campionessa interplanetaria di burraco, invece ereno avvelenati che staveno sotto de cinquecento punti e du piotte de scommessa. Sti du fiji de na mignotta poi te faceveno li scherzi mentre giocavi a carte fingendo che er Napoli fosse ‘n’attacco pe’ fatte distrae, anche perché l’arbitro daa partita Jo Pinella di chiare origini napoletane je reggeva er gioco. Peccato che quanno era popo necessario che annassi ‘nporta sei arivato ‘nritardo e nonostante quindici miracoli consecutivi robba che Gesù ancerto punto ha detto “ A Samì ecchiccazzo sei? mi Fratello!” te sei dovuto arende ar lampadina. Poi nonostante ho sentito piagne mezza Napoli che loro de qua che loro de la che aveveno meritato, ‘nsomma nonostante tutto sto piagnisteo, de parate degne de sto nome manco na ceppa. Ma se come dicheno a Napoli chiagne e fotti, stavorta hanno chiagnato e l’hanno pure preso ar culo.

A Rana: settete – Abbello e dicce a verità mando l’hai trovata a principessa che t’ha baciato? Perchè se all’inizzio der campionato eri solo concretteza mo stai a diventà anche bello. Testa arta e palle gestite da vero dominatore della difesa, sippenso che in nazzionale ce stanno quei du scrondi de chiellini e bonucci uno brutto che si dario è argento, chiellini è oro e l’artro è così farso che ‘nconfronto li capelli de conte so ‘na criniera de cavallo, me pija popo male. Ma già te l’ho detto mejo così armeno sei tutto pe’ noi.

Er Duca: novizio – a Duca vedette uscì n’anticipo come ‘ncondottiero spartano dammezzo a difesa me faceva arrapà più da sora rudilosso che quanno a buttavi sur letto te s’apriva come er mar rosso!….. Che poi sto mettete ‘ndifesa a fa er libbero nun è popo sta cazzata me sa, anzi è n’idea da provà anche più seriamente.

Gesù: 10 e Ode sul campo – “…Nel recarsi a centrocampo, Gesù passava sui confini dell’area piccola. Come entrarono in campo, gli vennero incontro undici piagnoni e il loro allenatore, i quali si fermarono lontano da lui, e alzarono la voce, dicendo: «Gesù, abbi pietà di noi!» Vedutili, egli disse loro: «Andate a mostrarvi ai tifosi dell’Inter ma non piangete come lui il vostro allenatore». E, mentre andavano, furono purificati. Uno di loro vedendo che era purificato, tornò indietro, glorificando Moratti ad alta voce; e si gettò ai piedi di Gesù con la faccia a terra, ringraziandolo; era uno svizzero con un nome molto bello “Inler”. Gesù, guardandolo disse: «I dieci piagnoni sono stati tutti purificati? Ma dov’è l’allenatore? Non si è trovato nessuno che sia tornato per dar gloria all’Inter, tranne questo svizzero?» allora lo svizzero disse “perdona mazzarri non sa quello che fa” E allora gesù gli disse: «Àlzati e va’; il tuo nome ti ha salvato, ma nulla può salvare la tua squadra dalla nostra vittoria».” e così fu!

Er Giappo: settete – Stavorta na partita meno de spinta e più de posizione enfatti quanno te sei ‘npo’ addormentato quanno er mostro t’ha messo solo davanti ar portiere, ma vabbene così come se dice a roma fìdate de la vorpe e der tasso, ma nun te fida’ della donna dar culo basso e hai fatto bene che zuniga er culo ce l’ha rasotera.

Er Capitano: 10 – Li fatti der Capitano! Ottava puntata. 36) a fine der mondo ariva solo se lo dice Er Capitano – 37) Una vorta Renzo Piano ha provato a pijà e misure daa riga Der Capitano ma nun jel’ha fatta era ‘ncarcolo troppo difficile -38) quello de giotto nun era ‘ncerchio era er ritratto der boccolo Der Capitano – 39)  Zoro quanno firma co a zeta nun è pe’ di’ so’ Zoro è pe’ fa onore Ar Capitano – 40) sua tombola ufficiale ar posto der 4 ce sta scritto Er Capitano e quanno esce er 4 tutti dovete urlà tombola! Poi viè Er Capitano e ve dà ‘na pacca sulla spalla che vale più dea tombola.

Er Gargatrucco: ottimo – Già ce lo so, tu sarai uno de quelli che alla fine der campionato starai co’ na fila lunga fino alla cina, de gente che te chiede scusa pe avè dubbitato della tua importanza, ma nun te preoccupà io sto dietro de te a sputaje ‘nfaccia uno a uno… Te l’ha già scritto er vecchio, ma salì ‘ncielo a pijà quer pallone ar novantesimo vale più de ducento passaggi sbajati, certo gargatrù che simmene sbaji ‘nparo de meno a partita nun è che me fa schifo eh! Però me piaci quanno ricuperi ‘ndifesa me sembri ‘ncartone animato co e gambe che frulleno e nun se vedeno pe’ quanto cori. Mo me devi fa un golleto che coi piagnoni ogni tanto te riusciva e co oi ancora no. Daje gargà taca la bala!

Er Mostro: 10 – decisivo co la gobba e decisivo n’artra vorta cor napoli, ma voi vedè che piano piano te stai a sgamà! Er golle è robba co li fiocchi e pure l’assist ar principe ce sta ,nelle tue corde. Era ora che ce facevi vedè quello che sai fa, perché poi sì semo tutti froci dell’Inter ma da noi la porta è aperta pè chi porta, chi nun porta parta pure se semo capiti vero? e già che ce sei diglielo pure all’olandesino…

Er Pera: settete – grossi picchi e grosse cazzate hai giocato come sitte stavi a fa ‘ngiro sulle montagne russe, però sei n’artro de quei giocatori che a fine partita nessuno te po’ di che te sei gratto e palle. A me poi li giocatori che se la rischiano un po’ me fanno sesso, quer sano istinto de follia che sitte dice male j’hai regalato er rigore ma sitte dice bene hai sarvato erg olle. ‘ntutti i casi da retta a Romolete levete quer cazzo de spoiler peloso daa capoccia chemmepari ‘frocio siccontinui così va affinì chemme diventi der milan

Er Culone: sei er più brutto – ma nun è corpa tua è che da piccolo nun ce vedevi bene e la forchetta invece d’enfilattela ‘nbocca, lisciavi… ma ‘nfonno sticazzi sarai brutto ma de sicuro sei più bello de tutti li milanisti messi ‘nsieme! appoi sibbatti carci d’angolo come quelli de domenica a forchetta ce la poi pure sbatte ‘nfaccia a tutti noi. Sur gioco tuo se po’ dì tutto, che nun cori, che nun sei decisivo, che segni poco, ma quanno esci dar campo se spegne sempre a luce, come diceva er Conte Asti Gancia a classe nun è acqua e tu sei fatto de spumante!

Er Principe settete – N’apostrofo nerazzuro tra le parole te buco! – ereno tre partite che marcavi male, ner senzo che nun marcavi popo e ce lo sai principe mio che me stava già a pijà male perché noi semo l’Inter esticazzi de tutto, però si nun me segni tu er core me se sfragna eppoi se sa, tu sei la bocca e la difesa er culo e quanno a bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne!

Er Codino: sei risicato – stavorta sei entrato senza a giusta decisione, cioè er core ce l’hai messo sinnò ‘nvaffa nun te lo levava nessuno, però un par de palle de troppo te le sei cacate, ma nun me lamento ce sta che dopo ‘nber po’ de partite giocate alla grande, anche tu te sei riposato, mo vedi de recuperà coa lazzio

Er Bambino – na mano – A regazzì nun me stai a piacè pe’ gnente me sembri ‘npo’ regresso sià tatticamente che tecnicamente e siccome nun è che c’hai fatto vedè ste partite ‘nterplanetarie a cosa se sta affà grossa. Che demo fa? Te rimannamo n’artro anno ‘nspagna a magnà paeja? Daje Cutì datte na smossa che si entri ogni vorta ‘ncampo moscio come er pisello de ordman poi fa gode solo e vecchie sdentate e qui noi c’avemo tutti li denti aguzzi!

Er Mister: 9 –  Gnente da dì Mister partita perfetta cor core e co la testa e vedi d’affezzionatte a sto modulo più coperto che a me ste tre punte davanti m’hanno già rotto er cazzo, che de tre l’importante nun so e punte, so i punti!


Malus track

Rizzoli: un golle ‘nforiggioco un rigore su cassano, n’espursione grossa come na casa a Rizzò limortaccitua! c’hai er culo così sgarato che quanno cori te fa l’applausi!