Tag

Stramaxieroe

Chi è troppo giovane di sicuro non può ricordarlo, ma noi che cominciamo ad avere un’età Ralph Supermaxieroe era un telefilm davvero divertente. Era la storia di un ragazzo qualsiasi che riceveva dagli extraterrestri un costume speciale che gli forniva abilità superumane. Il problema stava però nel fatto che avendo perso il manuale di istruzioni, Ralph non riusciva ad usare il costume correttamente ed ogni tanto proprio mentre si stava comportando benissimo si inceppava nel momento topico dell’azione…

La storia sembra tarata per chi immaginate voi ma ieri paradossalmente il campo era pieno di Supermaxieroi con la maglia nerazzurra. Ne abbiamo visti non so quanti e cosa assurda, tutti coloro che stavano facendo meglio.

Sembrava un epidemia, uno dietro l’altro si sono inceppati quasi tutti fino ad un inceppamento generale anche del nostro Mister che evidentemente più di tutti, sta soffrendo della perdita del libretto d’istruzioni…

Scorrendo la squadra e salvando il solo Handanovic che sempre più, si sta dimostrando un acquisto enorme, i giocatori in campo sembravano lo facessero apposta, una cosa buona e una cazzata, un bel passaggio e un regalo agli avversari, un anticipo e un liscio. Jesus cercava di sopperire con la velocità, l’idiosincrasia di Nagatomo a coprire in anticipo la sovrapposizione avversaria, ma poi quando poteva concentrarsi sul ruolo avendo il terzino a coprirlo, si addormentava sui cross. Chivu segna un gol bellissimo, fa due o tre interventi da centrale perfetto e poi sul più bello gli schiacciano un piede… Mudy neanche a parlarne finalmente titolare dopo non so quanto e si fracassa un tendine (in bocca al lupo!). Palacio che fino a ieri aveva giocato alla grande infilandola in ogni modo, si inceppa pure lui e invece di mettere missili sotto l’incrocio tira buste d’acqua al primo anello… Cassano idem parte bene, calci di punizioni bei passaggi, anche una discreta corsa, poi anche lui non ne mette più una degna del suo nome… e di Guarin ne vogliamo parlare?

Io dico, stai giocando alla grande, fisicamente sei un toro, sei a casa tua e non devi inventarti un cazzo di niente, se non macinare gioco e se possibile buttarla dentro, stiamo vincendo ed è vero che ti sta riuscendo tutto, ma come cazzo ti viene in mente di fare un dribbling li, davanti alla tua porta, da ultimo uomo? No perchè se non è un inceppamento mentale questo, non saprei davvero come definirlo. Inceppamento che poi conoscendoti come le mie tasche, ti sei portato avanti per tutta la partita e prego Iddio che si fermi qui sta cosa, che per tirarti fuori dalla tua timidezza di inizio campionato ci abbiamo messo tre mesi!

E veniamo all’ultimo inceppamento, il più comprensibile sotto certi punti di vista ma anche il più pericoloso e quindi meno accettabile, il nostro Mister.
Chi non vede il momento di difficoltà del Mister o è come me, un innamorato folle o è semplicemente cieco, io nonostante il mio innamoramento conservo sempre un microscopico angolo di razionalità e vedo (nella mia umilissima visione tecnica) che qualcosa non va. La squadra non gira velocemente e questo purtroppo è legato anche all’età media e alla condizione dei nostri in campo, ma quello che davvero non va è che la squadra è troppo larga tra i reparti e la palla o l’avversario sono sempre lontani. Il centrocampo non aiuta più la difesa e sono di nuovo troppi gli uno contro uno davanti la nostra area. Questa cosa se poteva essere dannosa con la difesa a quattro con la difesa a tre è devastante perchè gli uomini si riducono e gli spazi si allargano. Sono già un po’ di partite che per vari motivi il Mister parte con tre dietro e poi cambia modulo adattando spostando mescolando quelli ha in campo, a volte per tornare a quattro a volte restando a tre, inventando con quello che ha in campo. Ieri ad esempio dopo l’infortunio di Chivu la cosa più naturale era far entrare Silvestre lasciando la squadra intatta, invece abbiamo visto di tutto, non ultimo un Pereira terzino bevuto come un crodino da un Cerci che sembrava Ronaldo. Sei convinto che l’equilibrio migliore lo abbiamo con il 3-5-2? bene giocatelo fino alla fine e prenditi qualche rischio ma giocatelo, non cambiare ogni volta in corsa, i giocatori sono come i muli, una volta imparata la strada la seguono sempre ma se gli cambi il percorso possono incepparsi o peggio ancora, fermarsi a guardare Pereira fare il terzino al posto loro per poi addormentarsi sul cross. Il 3-5-2 è troppo rischioso? via torniamo indietro e mettiamo zanetti e Jesus sulle fasce e due centrali, se siamo meno coperti a centrocampo, almeno non lasciamo troppi spazi vuoti dietro. E’ una cazzata? non lo so ma ora non siamo né carne né pesce e mi duole dirlo ma ieri sera Bergomi aveva ragione, cambiare sempre in corsa comporta molti rischi di concentrazione, soprattutto nei movimenti velocissimi che devono fare i giocatori in campo.
Mister paradossalmente il messaggio è: prenditi i tuoi rischi ma fallo con coraggio fino in fondo, solo così potrai vedere se quello è il sistema migliore altrimenti ti vai ad incartare e vedrai che alla fine è solo colpa tua. Rischia Mister chi non ti sostiene non ti merita!

Infatti per fare questo il Mister non deve essere solo, ad inzio campionato nel post a lui dedicato, quando parlavo della stagione che andavamo ad affrontare, più che sulle sue capacità tecniche e tattiche, discutevo del grandissimo aiuto che Società squadra e tifosi dovevano dargli, per affrontare questa annata di vero esordio ad alti livelli.

Aiuto che deve essere concreto da parte di tutti, in questo momento Strama è una jeep invischiata nel fango e tutti, ripeto TUTTI devono scendere e spingere.

La Società, in primis naturalmente il Presidente e lo staff dirigenziale, cercando di mettergli in rosa giocatori funzionali alla causa, anche sacrificandosi un po’ di più del necessario, ma su questo sono sicuro che se esiste al mondo una persona a cui si può chiedere un piccolo sacrifico in più, il nostro Presidente la rappresenta perfettamente. Poi parlando di Società mi farebbe piacere che anche i nostri amici della Comunicazione dessero una piccola mano al Mister. Lo dico con tutto il rispetto ad Edoardo Caldara e Roberto Monzani che sanno bene quanto li stimi e li rispetti, ma l’intervista del dopopartita di ieri è stata un dramma. Strama era catatonico monocorde, assolutamente rassegnato. Noi tifosi interisti ringraziando Iddio non siamo lobotomizzati e sappiamo benissimo che se c’è un momento di merda, non saranno certo le cazzate dette dalla Società a farci stare meglio, ma ieri a fine partita volevo vedere un Mister incazzato! Con se stesso e con i giocatori. Volevo vedere un Mister che non ci raccontasse che era andata bene, quasi rassegnato all’ineluttabile risultato finale. Volevo vedere il Mister mandare affanculo Zorzi per la domanda ridicola e provocatoria su Marotta. Ecco un bel vaffanculo liberatorio di quelli che ti danno la carica per ripartire più forte di prima, anche a chi nella squadra non sta facendo il massimo. Cari amici della Comunicazione non so se il Mister sia frenato da qualcosa in particolare, ma lo sembra davvero e sento che ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a ritrovare l’aggressività di inizio stagione.  Avendovi conosciuto per me voi siete le persone ideali che lo possono aiutare, oh sia chiaro non parlo delle sceneggiate ridicole e ignobili dell’allenatore della gobba, ma di qualcosa che gli faccia tirare fuori l’adrenalina con cui qualche mese fa il nostro Mister in mezzo al campo urlava “la spensieratezza ficcatevela nel culo!”.
La faccia di ieri sera del Mister era tutto fuorché quello.

I Giocatori subito dopo la Società, perchè cali di concentrazione e di mentalità come quelli visti in queste ultime partite non sono accettabili. Non è accettabile che nessuno, dal primavera al Capitano, scenda in campo senza la dovuta concentrazione, voglia e rispetto per la maglia. L’egoismo di Guarin, il nervosismo esagerato di Juan Jesus, la sufficenza di certe giocate di Cassano, se perdonabili per la buona fede, non sono accettabili per il momento di difficoltà. Ora è venuto il momento in cui i giocatori devono mettere sul campo il 120% in più su tutto e ripeto in particolare sulla concentrazione.  O si da il 120% o si può con grande sincerità andare bellamente affanculo. TUTTI!

Infine i Tifosi. Se non è accettabile vedere tifosi che non sostengono la squadra, figuriamoci chi la critica prevenuto o peggio ancora la fischia allo stadio. Io vorrei sapere chi sono quei sottosviluppati mentali che pensano che fischiare un giocatore in campo possa migliorare la situazione. E’ scientifico che fischiare un giocatore non lo stimoli a far meglio, anzi se possibile lo spinge ad innervosirsi e a sbagliare di più, quindi a danneggiare l’Inter.  Va da se che se fischi nei novanta minuti per stimolare il nostro giocatore sei un coglione! Ma c’è anche chi fischia perchè ha pagato ed acquistando il biglietto crede di aver acquisito un diritto di fischio. Ebbene coglione questo diritto, nei novanta minuti, non te lo ha dato nessuno per il semplice motivo che, come suddetto, danneggi il giocatore, danneggi la squadra e di conseguenza danneggi l’Inter. Va da se che se fischi nei novanta minuti perchè hai acquistato il biglietto, sei un coglione!
Ma più in generale amico tifoso che fischi prima della fine della partita se c’è una cosa bella del calcio è che questo sport ci ha insegnato, ed a noi interisti in particolare, che prima del triplice fischio può accadere veramente di tutto, anche di vincere una partita che ad una manciata di secondi dalla fine, perdevi di due gol. Se tu, grandissimo coglione, fischi, aumenti di sicuro le possibilità che una partita negativa resti tale ed io non posso che continuare vitanaturaldurante a darti del coglione.

E’ un momento difficile e TUTTI oggi dobbiamo sostenerci: Società Squadra Allenatore e Tifosi, non è importante come, non è importante quanto, non è importante dove, l’importante è farlo!

… perchè sprecare il tifo per l’Inter è un delitto che nessun vero tifoso nerazzurro può permettersi.

oldman