Tag

,

Sono qui con il mio ipad al buio ad immaginarmi come stai vivendo questo momento e ti vedo sdraiato a letto che guardi nel vuoto. La stanza è buia ma tu hai gli occhi aperti, il riverbero della sveglia permette ai tuoi occhi di cercare un punto della camera da fissare. I bambini dormono sereni, lei è li vicino a te silenziosa, ha gli occhi chiusi ma non dorme come tutte le donne che amano davvero, ascolta in silenzio il tuo respiro pronta ad offrirti il suo amore per qualsiasi cosa tu abbia bisogno. Tu lo sai e quasi ti dispiace non poterle offrire la serenità che merita, ma sai benissimo che lei è forte quanto te e non mollerà mai di un centimetro.

Ma nella tua mente i pensieri si moltiplicano e i dubbi ti assalgono…

“No! non ci penso proprio a smettere!”

quante volte te lo starai dicendo? Cento, mille? E quante volte ti starai chiedendo “Ce la farò?”

8 – 10 mesi ti hanno detto i dottori e poi tanta, tanta fatica…

“Sì io la fatica la mangio a colazione, figurati se un po’ di riabilitazione mi mette paura!”

lo so, lo so capitano non ho dubbi, se per un umano ci vogliono 8 mesi, a te ne basteranno 6 però non scordare che non sei più un ragazzino…

“Hai ragione old non sono più un ragazzino, forse è giunto il momento di…”

E no Capitano che fai molli la presa? Io senza il tuo ciuffo in campo non posso vedere l’Inter. Non ci pensare proprio, io non posso immaginarti con un altro vestito che non sia la nostra maglia, io non posso vedere la squadra senza il suo Capitano che scambia il gagliardetto, io non posso…

” OOOOOOOOOH! old ma che cosa hai capito io stavo dicendo forse è giunto il momento di… non fare un’ora in più di allenamento a sessione, che quando i ragazzi si andavano a fare la doccia io restavo in campo ancora un’ora ad allenarmi, devo solo un po’ limitarmi che non ho più 35 anni!”

AAAAAAAAAH ora ti riconosco, che l’anno prossimo sarà la stagione del riscatto e devi farti trovare pronto per alzare le coppe che vinceremo. Sarà bellissimo l’anno prossimo, dopo questa stagione balorda, ricominciare a vincere tutti insieme con l’allenatore ragazzino e con tanti giovani in campo e tu all’inizio a bordo campo a spingere la squadra e poi finalmente dentro il campo per chiudere il cerchio, alzando il trofeo!

“old, dimmi la verità ma sei sicuro che ce la faccio? No perchè effettivamente mi sento un po’ stanco…”

Tranqui Capità è la primavera, fa questo effetto di spossatezza che sembra che ti porti dietro un quintale di peso e le gambe non funzionano, ma è tutto ok.

“old ma a me le gambe, almeno una, non funziona proprio!”

Sono i mali di stagione. Si sa la primavera porta le allergie, la spossatezza e i tendini di achille, tutto nella norma, non ti preoccupare… (più di quanto lo sono io…) il giusto tempo e torni un fiore!

“old…”

Dimmi Capità?

“io lascio!”

… Ti prego non fare lo stronzo Capità!

“dai old non fare così è una lotta contro ai mulini a vento!”

Sticazzi Capità tu lotti e io faccio sancho panza che tanto come forme ci siamo pure!

“old…”

LALALALALALALALALALALALA TANTO NON SENTO LALALALALALALA!

“old…”

“old…”

…dimmi Capità…

“Io non mollerò mai!
Ti aspetto allo stadio!”

TI AMO MIO CAPITANO!!!!!

20130429-010133.jpg