Tag

,

A fijidenagrandissima M!
Ve sete fatti e vacanze mentre io stavo qui sur pezzo a produce pil pe’ sto paese de peracottari! Mo’ che sete tutti tornati a rompe li cojoni e m’entasate a capitale volete pure e paggelle?
Vabbè va oggi so’ bono come er pane fatto daa Sora Carlotta che c’ha ‘rculo a forma de pagnotta e ve regalo ste chicche de paggelle!

Batmhand: ipnotico –A staggione scorsa, er nostro Samì detto o sventratore de babbione giocatrici de burraco, l’ha finita imbattuto e manco l’arrivo in corso di campionato della tremenda Magdalena Kunz Von Aughentaler Ribbentrop detta anche la Morte Nera è riuscita a battelo. Quest’anno però quei du grandissimifijidenamignottona i fratelli Van der Bildel Comastri della Gherardesca Visconti hanno fatto un aggiornamento di due settimane direttamente ar casinò de cavadeitirreni dal super maestro intergalattico Gennaro Delafuentes Borbone di Espadrillas, famoso barone napoletano, no ner senzo che è nobbile, ner senzo che bara startro fijodenamignotta, che j’ha dato na decina de dritte su come fasse i segnali pe’ calà i semi giusti…. ‘nfatti doppo na decina de minuti sti du gran bastardi aveveno già chiuso du burrachi puliti e uno semizozzo. Ah dimenticavo… pe’ compagno Samì anche quest’anno s’è ritrovato er Mudy che de carte nun ce capisce ‘ncazzo, l’unica qualità è che ogni tanto arzandose ‘npiedi mette paura all’avversari co’ minacce fisiche de percussioni… enfatti Mudy, che anche si nun ce capisce ‘ncazzo de carte nun è certo cojone, s’è accorto che i Van der Bildel se staveno a ffà l’occhiolini allora s’encazzato e j’ha tirato na mazzata in testa a tutt’eddue abbattendoli sur colpo. A quer punto l’arbitro Jo Pinella ha sospeso a partita, pe’ fortuna popo quanno er catanico stavà a tirà ‘nporta, annullando l’unica vera cazzata fatta daa difesa. Er tiro era pure forte e la merda c’aveva provato a fajela passà ‘nmezzo ae gambe, ma se sa er protierone nostro c’ha du cojoni enormi e popo co’ quelli l’ha parata. Co’ questa e quella cor genoa sur kuccia so’ già du parate decisive a sarvà a porta, ve sembrerà na cazzata ma e partite nun se vincono solo coi gol der giappogol, ma se vincono coe parate decisive der Batmhand. Grande!

Er Campagna: Sexxy! – va a finì che er mejo acquisto lo avemo fatto co ‘nvecchietto preso ai sardi de fine staggione. Nun sarà becchembauer ma in un paese de ciechi uno co’ n’occhio solo è uno che ce vede bene… Fra l’artro me sembra che sia a Rana che Gesù a staje vicino fanno meno cazzate der solito, ma se sa a vive cor campagna a salute ce guadagna… e co quaa faccia da duro vaffinì che me diventi pure ‘nsexximbol! Comunque sei arivato all’Inter nun te lo scordà, che pe’ te da oggi ‘npoi tre giornate de squalifica so’ er pane quotidiano.

A Rana: Tranqui – diciamo che du partite così te le sognavi da anni, du mezze pippe da marcà, ‘mber firtro a centrocampo e poco da difenne. Ogni tanto te poi pure divertì a salì sui carci d’angolo o uscì dall’area palla ar piede, na vera pacchia. Purtroppo però nun sarà sempre così quinni vedi de sta concentrato come li pomodori ner tubetto, chell’anno scorso de stronzate n’hai fatte e manco poche…

Gesù:  ‘ncazzato – Aho eggià t’aavevo scritto l’anno scorso! Emmeno male che li tua t’hanno chiamato Gesù sittechiamaveno Filippo Argenti cheffacevi li strozzavi tutti l’avversari? Ieri er Mister ancerto punto s’è calato nei panni de Virgilio e te l’ha popo detto “A Gesù co’ tutto il rispetto pei tua, però siccontinui affà o stronzo te levo!” emmesà che pure nell’intervallo n’artro sciampo t’è arivato che a perde tempo co’ li stronzi prima o poi a cazzata a fai. Comunque anche tu morto mejo rispetto l’anno scorso, a prossima c’avemo a prova der nove, vedi de studià bene e tabelline che le merde barano da na vita e giocano coa carcolatrice…

Er Culone: Lazzaro – Ora si nun è ‘nmiracolo questo poco ce manca, quanno hai fatto quaa finta pure a regazzina dell’esorcista s’è spaventata! e poi l’hai messa dentro chemmanco rocco siffredi co sasha grey ar debutto… e comunque Romolete sapeva già tutto e ve l’aveva pure scritto alla presentazzione dee maje nove daa naik “…Gli spacchi ai fianchi chettelodicoaffà l’hanno dovuti fa perché a Jonathan e Cassano co quer culone corcazzo je entrava, senza spacchi a maja je rimaneva a metà panza…” vaddasè che mo senza l’incubo daa panza de fori er gabbiano vola cheè na meravija! Ancerto punto me sembravi er terzino tedesco bionno dei record! Da oggi nun sei più er culone, da oggi te chiamamo Andy Moreira Brehme Cicero detto Jonathan!

Er Guaro: Meno uno – A Roma se dice te manca uno pe’ fa trentuno! Cheppoi nun ce lo so mica mica checcazzo ce devi fa co trentuno, quello che so è che si nun fai trentuno nun sei bono… A Guaro mo nun è che devi fa vince da solo e certe vorte sembra che giochi pe dovè fa sempre er miracolo. Ricordate che er minchione nun se’ conosce quanno nasce ma quanno cresce, tu fa trenta cose semplici e vedrai che prima o poi te riesce pure er miracolo de fa trentuno. Sveja!

Er Duca: Classe – In abbruzzo a saggetà popolare dice: “A ugn bon caval lu trappet l’aspet”  Anche un buon cavallo è destinato a finire al frantoio a girare la macina. Tu potevi decide de pascolà libero de fatte li cazzi tua, oppure de fa girà sto frantoio, io a differenza de chi te critica senza pietà, preferisco ditte ancora grazzie pe’ ste 401 partite ‘ncui hai dato er sangue paa squadra mia. Daje Duca che quest’anno siccedice bene quarche soddisfazzione saa levamo ancora e tu pure da Capitano!

Kovapcic: Indeciso  – So indeciso se mannatte affanculo o datte n’artra scians. Errare, se sa, è umano, perseverare, se sa, è democristiano, ma si continui affà dribbiling davanti a difesa e perdi palle sei popo de coccio! Me sa tanto che er mar de schiena è stato pe fatte evità er mar de culo che te faceva venì er Mister siccontinuavi così a partita. Amico mio datte na svejata questo nun è Strama che je piacevano l’arzigogoli, questo è fabbro e je piacciono e sbare de fero. Sippoi ce metti pure cher pischello che t’ha sostituito ha già capito tutto daa vita, vedi ‘npo’ cheppoi fa.

Er Giappogol: Bomber – Se vede che so’ arivate e prugne dar giappone, piottavi come n’artro crucco dell’Inter dei record. Tu nun te lo poi ricordà ma Lothar, a partita c’hai fatto ieri, n’ha fatte pe ‘na stagione intera! poi peccato s’è ammalato e nun ha corso più j’è venuta a Lolita, una brutta malattia che l’ha succhiato vivo… Ora io nun te chiedo certo de fa na staggione così e men che meno de fa ‘ngol a partita che sinnò er monno se rivorta, ma l’impegno, quello ce lo devi da mette sempre così e vedrai che er Mister nun te le va più dar campo. Solo na cosa amico io, ieri sei stato er mejo e va bene così, ma si succede n’artra vorta che ancontroppiede come quello de ieri, co’ quattro giocatori in area nun la passi e svieni, te vengo a cercà sotto casa e te pijo a schiaffi così forte che te faccio piagne tutto l’arbero genealoggico!

Er Codino: Jedi – 26 gol in 42 partite e nun dico artro… Stai in una forma mentale e fisica strepitosa è popo er classico magic moment d’ercarciatore, te riesce tutto e quanno ar novantesimo vai affà pure li recuperi ce lasci senza parole. Sei tarmente arrapato che li spermatozoi da girini te so’ diventati rospi e ar primo pallone che t’ariva castighi pure na sora drento na missione umanitaria che sta a difenne naa squadra de bambini orfani e affamati. Io ce lo so perché c’hai er codino e ce lo so pure che ce sei affezzionato ma ora da apprendista Jedi sei diventato Maestro ed è tempo che te lo taji! Se er carcio è sesso tu me ricordi Tori Black!

Arvaretto: Bradiche? – Abbelli vaa ricordate a leggenda der Bradipo Fenice che rinasce dae proprie ceneri? Mo ve la racconto! Dopo aver vissuto per 500 anni, er Bradipo Alvarez sentiva sopraggiungere la stanchezza (capirai quello era già nato stanco…), e si ritirò in un luogo appartato dalle parti della pinetina, costruendo un nido sulla cima di un faggio (albero stupido). Qui er bradipo accatastò le più pregiate piante balsamiche, dalla cannabis al papavero, fino alla camomilla, con le quali intrecciò un nido a forma di pallone, grande quanto era in grado di trasportarlo (cosa che stabiliva per infinite prove ed errori). Infine vi si adagiò, lasciando che i raggi del sole l’incendiassero. L’estate scorsa er Bradipo s’è lasciato bruciare e per via della camomilla, tutti coloro che je stavano vicino s’addormentavano, da lì la stagione demmerda dell’anno scorso. Dal cumulo di cenere però emerse una piccola larva, che i raggi solari fecero crescere e dopo n’anno demmerda diventò Alvarez er Bradipo Fenice. Questa è la leggenda der Bradipo Fenice, a realtà Romolete vostro a sapeva già e anche in questo caso ve l’aveva già scritto nero su bianco sur poste dee maje nove… Tiè e diteme se Romolete nun è un mago!!! “ Invece e righe su li pantaloncini e sui carzettoni l’hanno dovute mette perché Arvarez se li metteva sempre ar contrario e mo’ amo capito perché coreva poco, davanti e mutandine senza er naso je tiraveno er pacco e li carzini je facevano floppa sur carcagno, da quest’anno co ste modifiche Arvarez andrà come ‘nrazzo… (10 luglio 20013)“

Taider: Quaresima – E come diceva n’amico mio detto er doppietta “Bona pure a seconna!”  Totò diceva a serva serve eccome se serve se è pure bbona! E da quello che c’hai fatto vedè tu servi e sei pure bono come er pane! Farfavore però levete qua cresta da gonzo nun te se po’ popo vedè, me ricordi l’inventore de sto taglio de capelli, quello scappato de casa de quaresima… oddio oddio oddio che brutti ricordi…

Berfodir: meno uno – anche pettè o stesso discorso der Guaro, nun te devi ‘nventà ‘ncazzo, nun devi spacca a porta devi fa poche cose e semplici. Come dicono i trentini Le mìgole le vègn dal tòc, e briciole vengono daa fetta, quindi so bone pure quelle. E sille unisci alla fine te sfamano alla grande! Carma e gesso vedrai che co’ la squadra che gira, anche a te alla fine te riesce tutto!

Wallace: da rivederti – solo ‘no scatto ma sembravi Usair Bort! te vojo vedè ancora anche se co sta coppia de fonomeni sue fasce sarà difficile trovare spazio…

Er Mister: Fabbro –  “Se a ‘sto monno vòi essere contento, guàrdate de dietro e no davanti.” In questi ultimi due anni amo ingoiato così tanti rospi che c’ho no stagno nello stomaco e siddevo esse sincero, stigiganteschi cazzi che er Mister sembra ‘ncafone der Quadraro. Aveccene de cafoni chettefanno vince a passeggio come amo vinto ieri. Poi potemo discute anni succome se vince e sicce piace fa er catenaccio, armeno finchè se passa ‘nvantaggio, perché dopo, colli spazzi che se aprono, nun è più catenaccio è carcioshow! Er mosaico se sta a compone e mo’ demo solo vedè a figura ch’esce fori. A prima visione ce l’avemo gà alla prossima coi nostri che deveno giocà contro e merde, che merde so merde, ma so’ pure forti e seppur l’amo già battuti l’anno socrso, rifallo n’artra vorta avrebbe ‘nsapore diverso. Solo na cosa Mister basta parlà der passato, da oggi ‘npoi parlamo solo der futuro. A squadra è tua e l’amo capito, portace a vince e te famo diventà un Bauscia e un Belloderoma coi controcazzi!

Dopo l'allenatore dei recordo ecco altri due pezzi da 90!

Dopo l’allenatore dei record ecco altri due pezzi da 90!